HomeArea press › News
Crans Montana, trionfa Blardone!
27/02/2012

CRANS MONTANA - L'azzurro Max Blardone ha vinto lo slalom gigante di Coppa del mondo di sci svoltosi a Crans Montana. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher, che ha preceduto il connazionale Hannes Reichelt. Per l'Italia c'è poi il 20/mo posto di Giovanni Borsotti. Al 23/mo posto si è piazzato l'altro azzurro Manfred Moelgg, in 2.36.08. Ancora piu" indietro - tradito da alcuni errori sulla neve morbida della seconda manche a causa della temperatura primaverile - è finito Davide Simoncelli che era quinto dopo la prima manche ed ha chiuso al 25/o posto. Con il suo secondo posto di oggi Hirscher - assente il croato Ivica Kostelic (1.043 punti) e con lo svizzero Beate Feuz (1.040) che non si è classificato per la seconda manche - consolida il proprio primato nella classifica generale di Coppa. Il circo bianco passa ora in Norvegia, a Kvitfjell: da venerdì a domenica prossima sono in programma un supergigante, una discesa ed un altro supergigante.



BLARDONE: «CHE GIOIA!» - "Questa vittoria, la seconda dopo Alta Badia, e gli altri due podi sono la conferma del mio valore e di come sto andando bene in questa stagione. Ho la dimostrazione di quello che dentro di me già sapevo: posso confrontarmi sempre con i migliori del mondo e posso anche batterli". Sprizza gioia da tutti i pori Max Blardone dopo il trionfo di Crans Montana. Intorno ha gli amici del suo fans club, un centinaio di fedelissimi ossolani che lo seguono gara dopo gara ed ai quali Max ha dedicato questa vittoria. "È una bella stagione, in cui riesco ad esprimermi al meglio - dice il 33enne azzurro -. Dopo il cambio dei materiali mi sono subito trovato bene e sono andato in crescendo. Comunque mi pare che questa pista di Crans sia adatta soprattutto ai veterani visto che oggi ho vinto io, ieri Benjamin Ranch e venerdì Didier Cuche, tutta gente che è in coppa del mondo da più di un decennio A proposito di Cuche: è un grandissimo e spero che ci ripensi e torni a gareggiare anche il prossimo anno". Giornata perfetta dunque per Max Blardone anche se resta per lui un neo non trascurabile: sul casco non ha ancora il logo di uno sponsor principale. Ma, a forza di podi e di vittorie, qualcuno dovrebbe farsi vivo.

fonte: corrieredellosport.it